Industrial Explosion Protection

Isolamento esplosione, chimico

Introduzione

Il sistema di isolamento chimico IPD prodotto da BS&B protegge le interconnessioni di un impianto in caso di esplosione. Condutture e tubazioni che collegano un impianto di processo possono propagare un’esplosione sviluppatasi in un singolo settore dell’impianto. Se privi di protezione, condutture, tubazioni e contenitori collegati, quindi l’impianto stesso, sono in pericolo. Il sistema di isolamento chimico dell’esplosione di BS&B è progettato per iniettare un agente soppressore nelle condutture e nelle tubazioni, per interrompere il trasporto di materiale surriscaldato ed estinguere il fronte delle fiamme.

L’impianto di processo industriale può essere protetto attraverso uno o più di questi sistemi:

  • sistemi di sfogo dell'esplosione
  • soppressione dell’esplosione
  • contenimento dell’esplosione

in tutti i casi in cui si produce materiale surriscaldato (in quantità inferiore utilizzando sistemi di soppressione che si attivano nelle fasi preliminari dell’esplosione per estinguere la palla di fuoco che si sta sviluppando) che sarà trasportato attraverso i collegamenti aperti verso l’impianto protetto. Sia l’aspirazione sia la mandata sono a rischio; un normale flusso d’aria, nell’impianto protetto, verrà rovesciato dalla potenza di un’esplosione. Il sistema di isolamento dell’esplosione IPD è progettato per iniettare rapidamente un agente soppressore nelle condutture e nelle tubazioni per estinguere il materiale surriscaldato durante il trasporto.

Sistema di isolamento IPD – design modulare

Il sistema di isolamento IPD è costituito da quattro componenti (da sinistra a destra): il monitor di sistema, il rilevatore di esplosione, l’ugello di iniezione dell’agente soppressore e l’unità di alimentazione. Quando il rilevatore di esplosione registra la presenza di una possibile esplosione, invia un segnale elettronico direttamente all’ugello (agli ugelli) di isolamento installato sulle condutture o tubazioni dell’impianto, provocando l’attivazione e il rilascio dell’agente soppressore a polvere (bicarbonato di sodio ad uso alimentare). Rilevatore ed ugello sono progettati per intervenire in ambienti elettrici intrinsecamente sicuri, senza necessità di costose condutture a prova di esplosione.

Il monitor di sistema fornisce alimentazione elettrica al rilevatore e all’ugello. Quando il sistema di isolamento è in funzione si attivano relè esterni che consentono lo spegnimento dell’impianto protetto, in modo da bloccare il trasporto di materiale combustibile e attivare un allarme. L’unità di alimentazione consente il collegamento all’alimentazione AC standard e alla batteria di riserva.

A seconda dell’applicazione, le dimensioni dell’ugello di isolamento vengono selezionate tra moduli standard con una capacità di 5, 10, 20, 40 e 60 libbre (2, 4, 8, 16, 24 Kg). L’installazione sulle condutture o sulle tubazioni richiede un semplice adattatore, di norma con un’angolazione di 45 gradi, per iniettare la polvere nel flusso di materiale surriscaldato.

Sistema di isolamento IPD- attivazione

Il rilevatore del sistema di isolamento IPD standard funziona sulla base della differenza di pressione. Tre sensori di pressione, installati sull’impianto in cui potrebbe verificarsi l’esplosione, reagiscono allo stadio iniziale dell’onda di pressione che precede la palla di fuoco. Uno di questi sensori di pressione è impostato su valori ridotti e, attraverso il monitor di sistema, invia un allarme immediato in caso di modifiche delle condizioni di processo suscettibili di provocare un aumento anomalo della pressione di esercizio del sistema; tale sensore viene  usato per evitare l’intervento del sistema di soppressione in caso di differenze di pressione non dovute ad esplosione. Se a reagire sono due sensori su tre, viene attivato il sistema di isolamento.

È possibile anche l’attivazione di un sistema di isolamento IPD alternativo. Ad esempio:

  • sensori collegati a pannelli di sfogo come i sensori Burst Alert®, modello MBS, disponibili con i pannelli di sfogo
  • sensori ottici (UV, IR o una combinazione dei due).

Quando vengono utilizzati dispositivi di rilevazione di esplosione alternativi, il rilevatore di esplosione è sostituito da un “modulo di interfaccia del rilevatore” che riceve il segnale d’uscita del sensore e innesca l’ugello (gli ugelli) di isolamento, riportando l’esplosione sul monitor di sistema.

Vantaggi

  • Gli ugelli possono essere installati in ogni direzione.
  • Peso ridotto e minime forze di reazione minimizzano i costi di tubazioni e condutture a parete sottile.
  • I circuiti elettrici in un ambiente intrinsecamente sicuro eliminano le spese necessarie per condotti a prova di esplosione.
  • La diversa impostazione dei sensori minimizza il rischio di attivazione a causa di vibrazioni e di differenze anomale nella pressione di processo.
  • La sostituzione dell’agente soppressore, preconfezionato in contenitori sigillati, consente un perfetto ripristino del sistema, con operazioni di pulizia minime.

In applicazioni in cui è necessaria una barriera di isolamento della pressione o in cui il rilascio dell’agente soppressore nel processo non sia possibile, il cliente può rivolgersi a BS&B per esaminare la possibilità di installare valvole di isolamento a risposta rapida.

Servizio assistenza

Il servizio assistenza IPD è disponibile 7 giorni su 7 e 24 ore su 24 per fornire assistenza in caso di installazione di nuovo sistema, ripristino sul posto di sistemi attivati, esecuzione degli audit periodici, in conformità allo standard NFPA 69 e per la formazione dei clienti.

Applicazione del sistema di isolamento IPD

I sistemi di isolamento modello IPD prodotti da BS&B vengono impiegati per la protezione costante di normali impianti di processo industriali, come:

  • collettori di polveri
  • essiccatoi
  • impianti di miscelazione
  • silo
  • impianti di macinazione

I settori industriali che impiegano i sistemi di isolamento modello IPD realizzati da BS&B includono:

  • l’industria agro-alimentare
  • la produzione di granaglie e mangimi
  • l’industria farmaceutica
  • l’industria chimica
  • l’industria del legno